Striscia la notizia: OZONIZZATORI FAI DA TE, FACCIAMO CHIAREZZA

Condividiamo questa importante prova video supportata da Striscia la Notizia:

Max Laudadio ha scoperto che in rete si trovano facilmente in vendita ozonizzatori fai-da-te che promettono di sanificare gli ambienti e di proteggere dunque dal Covid. Ma sarà davvero così? Il nostro inviato ci aiuta a fare chiarezza con l’aiuto del Presidente di A.N.I.D (Associazione Nazionale Imprese Disinfestazione) Marco Benedetti

https://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/ozonizzatori-fai-da-te-facciamo-chiarezza_70177.shtml

 

 

Purificatori d’aria: boom di acquisti, ma servono davvero contro il Covid? Video

La notizia è di questi giorni: la Germania ha deciso di investire 500 milioni di euro per migliorare i sistemi di ventilazione negli edifici pubblici allo scopo di potenziare le strategie messe in atto per rallentare la diffusione del coronavirus.

Obiettivo del governo tedesco non è tanto installare nuovi sistemi di ventilazione che risulterebbero troppo costosi, quanto migliorare quelli esistenti nei teatri, nei musei e in altri luoghi pubblici. Nelle scuole, che invece spesso sono prive di sistemi di ventilazione, i fondi del governo saranno utilizzati per acquistare dei depuratori d’aria mobili.

D’altronde, pare che l’argomento sia un tema caldo anche alle nostre latitudini: secondo una ricerca di GFK, nel post Covid gli italiani sono sempre più attenti, oltre che ai consumi energetici degli elettrodomestici, anche alla qualità dell’aria all’interno degli ambienti chiusi.

Com’è noto infatti, sempre più studi affermano che la trasmissione del nuovo coronavirus avvenga con più facilità nei luoghi chiusi con limitata ventilazione e con un tempo di permanenza elevato, poiché se è vero che il principale veicolo della diffusione virale sono i droplets – ovvero le goccioline emesse dalle persone infette quando tossiscono o starnutiscono – alcune evidenze dicono che anche le particelle di aerosol emesse quando si parla, si canta o semplicemente si respira rimangono in sospensione in aria per diverse decine di minuti e perfino ore, aumentando la concentrazione di virus nelle stanze poco areate.

Il distanziamento dunque rimane una misura necessaria per evitare di entrare in contatto con i droplets e le alte concentrazioni di aerosol in prossimità del soggetto infetto, ma la mascherina serve anche per prevenire la possibile la trasmissione via aerosol su distanze maggiori in ambienti chiusi, perché le particelle in sospensione prima di evaporare si spostano anche di due metri.

Secondo Giorgio Buonanno, professore ordinario di Fisica tecnica ambientale all’Università degli Studi di Cassino e alla Queensland University of Technology di Brisbane intervistato dal Corriere, da questo punto di vista le mascherine chirurgiche non sono abbastanza: riducono la possibilità di contagio da aerosol, ma non in modo decisivo perché non nascono in modo specifico per particelle di quelle dimensioni, a differenza dei filtri facciali FFP2, FFP3, N95 che invece offrono maggiore protezione.

Dopo un curioso dietrofront anche i CDC, Centers for Disease Control and Prevention statunitensi, proprio all’inizio di ottobre hanno dichiarato che, specialmente in spazi chiusi senza adeguata ventilazione, la trasmissione per via aerea avviene, poiché esistono evidenze che in certe condizioni persone con Covid-19 abbiano infettato altri che stavano oltre 1,8 metri di distanza, sia quando lo spazio era condiviso nello stesso momento sia quando la persona infetta aveva appena lasciato il locale poco areato.

Va nella stessa direzione anche lo studio pubblicato proprio in questi giorni da El Pais, che ha simulato le probabilità di contagio in una stanza, un bar e una classe: in tutti i casi, indipendentemente dalla distanza tra le persone sane e quella contagiata, dopo qualche ora di permanenza ne escono tutti infetti (se NON usano le mascherine e NON arieggiano la stanza) o quasi tutti (se usano le mascherine e NON arieggiano la stanza).

Se invece, oltre a distanziamento e mascherine, dimezzano il tempo di permanenza (da 4 ore a 2 ore) e adottano anche la buona abitudine di ventilare la stanza tramite finestre o sistemi appositi, le possibilità di contagio scendono drasticamente, quasi a zero

LA SOLUZIONE TEDESCA

Una dinamica che riguarda anche la trasmissione di altri virus respiratori, la cui incidenza infatti aumenta nei mesi invernali, quando le persone trascorrono molto più tempo al chiuso, in luoghi non adeguatamente arieggiati. D’altronde, in Germania la ventilazione delle stanze rientra tra le misure ufficiali caldeggiate dal governo per prevenire il Covid, ed era un’abitudine diffusa anche prima della pandemia.

Le linee guida del governo tedesco per affrontare il virus infatti si sintetizzano nell’acronimo AHACL, che sta per distanziamento (Abstand), igiene (Hygiene), utilizzo delle mascherine (Alltagmaske), uso dell’app di tracciamento nazionale (Corona-Warn-App) e Lüften, ovvero areazione delle stanze. Una misura appoggiata anche dal gruppo di esperti che recentemente ha ribadito l’importanza di arieggiare le aule ogni 15-20 minuti, per cinque minuti in primavera e autunno e per tre minuti in inverno, nonostante ciò faccia precipitare le temperature in classe.

Per ovviare al problema dunque, ecco spiegata la scelta di investire sulla ventilazione forzata, specialmente per quelle scuole dove le finestre delle aule non si aprono per scelta progettuale. Secondo la testata bavarese BR24, i purificatori d’aria mobili costano 2.000 euro l’uno e sono in grado di purificare l’aria di una stanza nel giro di pochi minuti.

PURIFICATORI: UNA SOLUZIONE EFFICACE?

Al netto delle nuove evidenze e degli studi ancora in corso circa il contagio per via aerea (il ruolo della ventilazione degli ambienti nella diffusione della malattia non è stato ancora completamente chiarito) in molti si sono interrogati sull’utilità dei purificatori d’aria in commercio e sulla possibilità di acquistarne uno, seguendo l’esempio della Germania.

La premessa necessaria è che nessun purificatore può sostituire le misure di prevenzione già consigliate, cioè il distanziamento fisico, l’uso della mascherina e l’igiene delle mani. Come ha detto l’epidemiologa Eleanor Murray della Boston University, è più pratico agire sulle cause che sugli effetti, e dunque “un purificatore d’aria non sarà mai efficace quanto evitare di avere un gruppo di persone chiuse nello stesso posto” (quindi non è la soluzione per iniziare a fare grandi inviti a casa, per esempio).

Ciò detto, i purificatori possono fare la loro parte in luoghi dove la ventilazione è poco efficiente, in cui magari non è possibile arieggiare le stanze spesso aprendo le finestre, e in cui molte persone si ritrovano insieme per diverso tempo. Le componenti presenti nell’aria che impattano di più sulla salute sono i COV (composti organici volatili) e il PM (particolato, sostanze sospese nell’aria con diametro fino a mezzo millimetro) fine e ultrafine.

Per ripulire l’aria da queste particelle, i purificatori devono avere filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air Filter), i quali hanno ottenuto una certificazione da un ente scientifico terzo pubblico. Sono gli stessi usati nei sistemi di ventilazione degli ospedali e degli aerei e molti esperti ne sostengono l’utilità, fosse anche solo per il semplice fatto di purificare l’aria (e le particelle in sospensione presenti) con efficienza e velocità.

Joseph Allen, direttore del centro che studia i rischi per la salute all’interno degli edifici dell’Università di Harvard, ha sintetizzato la questione in questi termini: “Il dato scientifico è abbastanza chiaro: i purificatori portatili dotati di un filtro HEPA e proporzionati alle dimensioni della stanza possono catturare fino al 99,97% di particelle in sospensione”.

In una casa normale, ci potrebbero volere due o tre ore per cambiare completamente l’aria, mentre un depuratore è in grado di purificarla fino a sei volte in un’ora. Ovviamente, se l’acquisto valga la pena o no dipende molto dalle singole esigenze: se si sta sempre nello stesso nucleo di persone che hanno pochi contatti con l’esterno e arieggiare non è un problema, probabilmente non ce n’è necessità (a meno di particolari allergie, per cui un purificatore può tornare sempre utile).

Diverso è il caso per gli ambienti in cui la ventilazione è più difficoltosa, magari lavorativi; ed è questo in fondo ciò che sta facendo il governo tedesco, migliorando la ventilazione di luoghi pubblici e scuole. Anche noi in redazione abbiamo iniziato a usare un paio di purificatori d’aria: uno è il Dyson Pure Humidify+Cool che fa anche da umidificatore, l’altro è il Mi Air Purifier 3 di Xiaomi.

L’importante, se si decide di acquistarne uno, è ricordare che i filtri trattengono le particelle e perciò bisogna prestare particolare attenzione nella loro pulizia, usando guanti e mascherina e buttando immediatamente il filtro nella spazzatura, ben chiuso in un sacchetto

Il Coronavirus si trasmette nell’aria? Cosa dicono le ricerche sui contagi?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ora formalmente riconosciuto che il Covid-19 è presente nell’aria e può essere trasportato da minuscoli aerosol.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ora formalmente riconosciuto che il Covid-19 è presente nell’aria e può essere trasportato da minuscoli aerosol. Dopo la scoperta di tracce di Covid sui surgelati, ora un’altra scoperta. Ma vediamo di cosa si tratta esattamente.

Quando tossiamo e starnutiamo, parliamo o semplicemente respiriamo, rilasciamo naturalmente nell’aria goccioline (piccole particelle di fluido) e aerosol (particelle più piccole di fluido).

Goccioline e aerosol

L’OMS definisce come una “gocciolina” una particella più grande di 5 micron e ha dichiarato che le goccioline non viaggiano più lontano di un metro. Le goccioline tendono a volare nell’aria come mini palle di cannone e cadono a terra piuttosto rapidamente, mentre gli aerosol possono fluttuare per molte ore.

Ma la fisica di base dice anche che una gocciolina da 5 micron impiega circa mezzora a cadere sul pavimento dalla bocca di un adulto di statura media, e durante quel periodo, la goccia può viaggiare per molti metri su una corrente d’aria. Anche le goccioline espulse con la tosse o gli starnuti viaggiano molto più lontano di un metro.

All’inizio della pandemia l’OMS, così come gli altri centri specializzati, avevano messo in guardia principalmente sulla trasmissione del nuovo Coronavirus attraverso il contatto diretto e le goccioline rilasciate a distanza ravvicinata. L’organizzazione aveva messo in guardia dagli aerosol solo in rare circostanze, come dopo l’intubazione e altre procedure mediche che coinvolgevano pazienti infetti negli ospedali.

Il cambio di rotta dell’OMS

Dopo diversi mesi di pressioni da parte degli scienziati, il 9 luglio l’OMS ha cambiato posizione, passando dal rifiuto all’accettazione parziale: “Sono necessari ulteriori studi per determinare se è possibile rilevare SARS-CoV-2 in campioni d’aria da ambienti in cui non vengono eseguite procedure che generano aerosol e quale ruolo potrebbero svolgere gli aerosol nella trasmissione del virus”.

In un recente studio pubblicato su Scientific Reports, i ricercatori del Centro medico dell’Università del Nebraska hanno scoperto che gli aerosol raccolti nelle stanze d’ospedale dei pazienti con Covid-19 contenevano il Coronavirus. Ciò conferma i risultati di uno studio della fine di maggio in cui si è scoperto che i pazienti con Covid-19 rilasciavano SARS-CoV-2 semplicemente espirando, senza tossire o nemmeno parlare. Gli autori di quello studio hanno affermato che la scoperta implicava che la trasmissione aerea “gioca un ruolo importante” nella diffusione del virus.

Uno studio condotto da scienziati dell’Università di Hong Kong e Zhejiang University, a Hangzhou, in Cina, pubblicato sulla rivista Building and Environment a giugno ha concluso che più piccole sono le goccioline espirate, più importante è la rotta aerea a corto raggio.

Cosa significa tutto questo esattamente? Secondo gli esperti, è plausibile che si possa entrare in una stanza vuota e contrarre il virus se una persona infetta era lì prima di noi, ma probabilmente solo se la stanza è piccola e soffocante. Il virus può diffondersi attraverso condotti d’aria o tubi? Forse, anche se non è stato stabilito. La trasmissione a lungo raggio, invece, da parte di aerosol probabilmente non sembrerebbe significativa.

Cosa fare, dunque?

Accettare queste conclusioni non cambierebbe molto ciò che viene attualmente raccomandato come miglior comportamento. La protezione più forte contro SARS-CoV-2, indipendentemente dal fatto che il virus sia contenuto principalmente in goccioline o aerosol, rimane essenzialmente la stessa: mantenere la distanza di sicurezza e indossare la mascherina.

Piuttosto, i recenti risultati sono un importante promemoria per essere vigili anche sull’apertura delle finestre e sul miglioramento del flusso d’aria all’interno.

 

Smog, il record più triste: registrato a Padova il valore più alto del 2019

„Datato domenica 17 febbraio e registrato dalla centralina Arpav dell’Arcella: 124 microgrammi (milionesimo di un grammo) per metro cubo d’aria analizzata, un valore che supera di due volte e mezzo il limite di 50 µg/m3“

124 µg/m3. Tradotto in italiano vuol dire 124 microgrammi (milionesimo di un grammo) per metro cubo d’aria analizzata. Non fatevi, però, ingannare da quel “microgrammi”. Perché per quanto infinitivamente piccoli sono a dir poco dannosi. Il dato, infatti, è relativo alle concentrazioni di Pm10 nell’aria. È stato registrato dalla centralina Arpav posizionata all’Arcella. Data: domenica 17 febbraio. E oltre a superare di due volte e mezzo il limite consentito è anche il più alto del 2019.

Livelli record

Da circa una settimana un promontorio in espansione sull’Europa occidentale sta portando condizioni di stabilità atmosferica, con venti deboli e senza precipitazioni, determinando il ristagno degli inquinanti negli strati bassi dell’atmosfera. Per questo motivo già da giovedì 14 febbraio in Veneto è in atto un episodio di accumulo del particolato atmosferico, che nella giornata di ieri ha fatto registrare quattro giorni di superamento consecutivi del valore limite giornaliero in tutti i capoluoghi di provincia (ad eccezione di Belluno), facendo di conseguenza scattare il livello di allerta 1 delle polveri. Le concentrazioni di PM10 sono in crescita in tutta la regione e molte centraline domenica 17 febbraio hanno fatto registrare livelli elevati di particolato: 124 µg/m3 a Padova (Arcella), 112 µg/m3 a Venezia (Via Tagliamento), 110 µg/m3 a Rovigo (RO-Centro), 104 µg/m3 a Monselice, 102 µg/m3 ad Adria, 95 µg/m3 a Vicenza (Quartiere Italia), 92 µg/m3 a Legnago, 91 µg/m3 a Parco Colli Euganei, 90 µg/m3 a Treviso (Via Lancieri) e 87 µg/m3 a Verona (Borgo Milano). Nei prossimi giorni persisteranno condizioni di alta pressione, solo in parte intaccate da una debole e veloce saccatura, tra mercoledì 20 e giovedì 21, che determinerà un temporaneo aumento della nuvolosità e una probabile attenuazione dell’inversione termica. Complessivamente nei prossimi giorni, non sono previsti fattori tali da garantire una buona dispersione e l’abbattimento delle polveri sottili.

Il bollettino

Dal 1 ottobre al 31 marzo, il lunedì e il giovedì entro le ore 12, ARPAV emette il bollettino dei livelli di allerta PM10. Il livello di allerta è calcolato sul numero di giorni consecutivi di superamento del valore limite giornaliero del PM10: dopo 4 giorni consecutivi scatta il livello 1, dopo 10 giorni consecutivi, il livello 2. Il prossimo bollettino livelli di allerta PM10 sarà pubblicato giovedì 21 febbraio 2019.

La mappa di previsione

La mappa di Previsione delle concentrazioni PM10. Nel sito ARPAV è consultabile la mappa di previsione delle concentrazioni giornaliere di PM10 previste per il giorno in corso e le due giornate successive. In base alle condizioni meteorologiche e ai valori delle emissioni, un modello numerico prevede le concentrazioni di PM10 dettagliate secondo una griglia a maglia quadrata di 4×4 km; cliccando in qualsiasi punto del Veneto, è possibile visualizzare l’intervallo di concentrazione del particolato PM10 associato alla relativa cella.

 

Virus nell’aria, nuova teoria sui condizionatori.

Per l’infettivologo Massimo Galli la teoria sulla circolazione del coronavirus nell’aria apre la strada a nuovi rischi sull’uso dell’aria condizionata

Continua il dibattito sulla trasmissione del coronavirus nell’aria, dopo la lettera di 239 scienziati che chiedevano di rivedere le linee guida sull’uso delle mascherine e sui sistemi di ventilazione nei luoghi chiusi. La teoria dell’infettivologo Massimo Galli, direttore di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano, è che l’aria condizionata e il riscaldamento possano contribuire a veicolare l’infezione e l’unica arma che abbiamo è quella di “giocare d’anticipo”.

Per farlo, ha spiegato l’esperto ad Askanews, risulta fondamentale la sorveglianza epidemiologica con test sierologici oppure tamponi rapidi.

Il sospetto di Massimo Galli è che la trasmissione aerea del virus possa essere agevolata da “qualche elemento ambientale in più”, come è successo ad esempio nel caso del focolaio di Covid-19 nel mattatoio tedesco del Nordreno-Westfalia.

“C’è anche il problema dell’uso eccessivo dell’aria condizionata – ha ammesso Galli -. È evidente la preoccupazione per quei Paesi dove la circolazione del virus è elevata, ma non ce ne dobbiamo dimenticare nemmeno noi. Ci stiamo preoccupando di tante cose ma questa per ora non l’abbiamo affrontata”.

“Cosa succede con l’aria condizionata d’estate? È qualche cosa che non abbiamo probabilmente sviscerato a sufficienza”, ha dichiarato Galli. E poi: “Cosa succede, specie negli uffici pubblici e nei luoghi di lavoro, per il riscaldamento d’inverno? Anche questo comporta delle movimentazioni dell’aria in locali chiusi”.

La soluzione da adottare, a detta dei firmatari della lettera all’Oms, è quella di revisionare gli impianti di circolazione dell’aria o, in alternativa, indossare sempre la mascherina: “Tenere la mascherina per tutto il periodo lavorativo – ha spiegato Galli – non è una cosa applicabile con uno schioccar di dita. Il punto è che una problematica di questo genere comporta la revisione di una quantità infinita di impianti, in una quantità infinita di Paesi, in una quantità infinita di città; un po’ in tutto il mondo comporta una rivalutazione dell’efficacia, efficienza e sicurezza di una quantità infinita di impianti: è abbastanza intuibile che ci sarà parecchio da fare se se ne vorrà tenere conto”.

Per quanto riguarda la scuola, sull’ipotesi di effettuare test sierologici a tutti, l’infettivologo ha precisato: “Se non è questo, bisogna che qualcuno si inventi un sistema migliore per tentare di mantenere un controllo pro attivo di quelle che possono essere le manifestazioni di focolai. Non credo, comunque la si voglia rigirare, si possa trovare un’altra soluzione”.