fbpx
Menu Chiudi

REPORT: Oltre il 90% della popolazione mondiale respira aria pericolosamente inquinata

Goldach, Svizzera – L’inquinamento atmosferico continua a rappresentare una delle maggiori minacce per la salute umana, con il 90% della popolazione mondiale che respira aria non sicura.

Gli ultimi dati compilati da IQAir, pubblicati nel World Air Quality Report 2019  e nella classifica delle città più inquinate , rivelano il cambiamento dello stato dell’inquinamento da particolato (PM2.5) in tutto il mondo durante il 2019.

Il nuovo set di dati evidenzia livelli elevati di inquinamento atmosferico a seguito di eventi di cambiamento climatico, come tempeste di sabbia e incendi, e guadagni di inquinamento dalla rapida urbanizzazione delle città, in regioni come il sud-est asiatico. Sebbene siano stati raggiunti alcuni risultati nell’infrastruttura di monitoraggio della qualità dell’aria a livello globale, esistono ancora enormi lacune nell’accesso ai dati in tutto il mondo.

                                                                     _ Mappa globale dell’esposizione annuale al PM2,5 per città con dati disponibili nel 2019

“Mentre il nuovo coronavirus domina i titoli internazionali, un killer silenzioso sta contribuendo a quasi 7 milioni di morti in più all’anno: l’inquinamento atmosferico”, ha detto il CEO di IQAir Frank Hammes. “Attraverso la compilazione e la visualizzazione dei dati da migliaia di stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria, il 2019 Il rapporto sulla qualità dell’aria mondiale offre un nuovo contesto alla principale minaccia per la salute ambientale del mondo “.

I principali risultati del rapporto includono:

    • In Cina: le città cinesi hanno ottenuto una diminuzione media del 9% dei livelli di PM2,5 nel 2019, dopo una diminuzione del 12% nel 2018. Tuttavia, il 98% delle città ha superato le linee guida dell’OMS e il 53% delle città supera gli obiettivi nazionali meno rigorosi della Cina. Nell’ultimo decennio Pechino ha più che dimezzato i suoi livelli annuali di PM2,5. Quest’anno Pechino  è uscita dalla classifica delle 200 città più inquinate della classifica.

 

    • In Corea del Sud: la Corea del Sud è stata il paese più inquinato per il PM2,5 tra i paesi OCSE durante il 2019. I livelli di qualità dell’aria nelle città chiave sono rimasti relativamente stagnanti negli ultimi anni.

 

    • In India: mentre le città in India, in media, superano l’obiettivo dell’OMS per l’esposizione annuale al PM2,5 del 500%, l’inquinamento atmosferico nazionale è diminuito del 20% dal 2018 al 2019, con il 98% delle città che ha registrato miglioramenti. Si ritiene che questi miglioramenti siano in gran parte il risultato del rallentamento economico.

 

    • In Asia meridionale: le città indiane e pakistane dominano nuovamente le città più inquinate del mondo per PM2,5 nel 2019. Ventuno delle prime 30 città più inquinate si trovano in India. Cinque delle prime 30 città più inquinate si trovano in Pakistan.

 

    • Nel sud-est asiatico:  in un cambiamento storico che riflette la rapida industrializzazione della regione, gli hub urbani di  Giacarta e Hanoi hanno superato Pechino per la prima volta, tra le capitali più inquinate da PM2,5 al mondo.

 

    • Gli incendi e le pratiche agricole a fuoco aperto hanno avuto un impatto importante sulla qualità dell’aria di città e paesi in tutto il mondo, tra cui: Singapore, Australia, Indonesia, Brasile, Kuala Lumpur, Bangkok, Chiang Mai e Los Angeles.

 

    • La desertificazione e le tempeste di sabbia giocano un ruolo importante nella scarsa qualità dell’aria in Medio Oriente e nella Cina occidentale.

 

  • Enormi popolazioni in tutto il mondo non hanno ancora accesso ai dati sull’inquinamento atmosferico in tempo reale, soprattutto in Africa e in Medio Oriente. Un numero crescente di cittadini globali e organizzazioni non governative (ONG) stanno implementando i propri sensori di qualità dell’aria a basso costo per colmare le lacune nei dati laddove esistono. Grazie a questi sforzi, sono ora disponibili per la prima volta dati continui sulla qualità dell’aria pubblica per Angola, Bahamas, Cambogia, Repubblica Democratica del Congo, Egitto, Ghana, Lettonia, Nigeria e Siria.

I dati sulla qualità dell’aria del 2019 mostrano chiare indicazioni che i cambiamenti climatici possono aumentare direttamente il rischio di esposizione all’inquinamento atmosferico, attraverso una maggiore frequenza e intensità di incendi boschivi e tempeste di sabbia.

Allo stesso modo, in molte regioni la causa dell’inquinamento ambientale da PM2,5 e dei gas serra che cambiano il clima sono collegate, vale a dire la combustione di combustibili fossili come il carbone.

È necessaria un’azione urgente per affrontare queste fonti di emissioni, per proteggere la salute pubblica e gli ecosistemi.

“Mentre il monitoraggio della qualità dell’aria è in aumento, la mancanza di dati sulla qualità dell’aria in gran parte del mondo pone un problema serio, poiché ciò che non viene misurato non può essere gestito”, ha aggiunto Hammes. “Le aree prive di informazioni sulla qualità dell’aria sono spesso stimate avere un inquinamento atmosferico tra i più gravi al mondo, mettendo a rischio enormi popolazioni. L’Africa, un continente di 1,3 miliardi di persone, ha attualmente meno di 100 stazioni di monitoraggio che rendono disponibili al pubblico i dati PM2,5 in tempo reale. Più dati sulla qualità dell’aria in tempo reale portano i cittadini e i governi a prendere decisioni migliori che miglioreranno la vita di milioni di persone per i decenni a venire “, ha aggiunto Hammes

Call Now ButtonChiama Ora
Consulenza Gratuita
1
Consulenza
Hai bisogno di Assistenza Online? Ti offriamo consulenza Gratuita. Scrivi qui e ti risponderemo il prima possibile.